Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Cofama


Cofama, fondata nel 2002, è nata, inizialmente, con lo scopo di rappresentare, a livello internazionale, aziende diverse del panorama vitivinicolo; potendo contare, infatti, sulle competenze del suo team, maturate soprattutto nel settore enologico e negli affari internazionali, Cofama è stata per anni eccellente portavoce di numerosi marchi, ampliando anche, in poco tempo, il proprio portafoglio.
La svolta è arrivata, però, nel 2016, quando Cofama, forte anche dell'esperienza maturata, si è presentata, per la prima volta, sul mercato, come azienda vinicola.
Attualmente, i prodotti Cofama, sono pensati per rendere omaggio alle più importanti denominazioni spagnole: Cava, Catalunya, Terra Alta, Penedés e Tarragona.
Cava DO è sicuramente la denominazione più famosa; celebre per la produzione di spumanti Metodo Classico, la regione che la interessa si estende tra Girona e Tarragona e i vini qui prodotti nascono da varietà come macabeo, xarel.lo, parellada, malvasía, chardonnay, garnacha tinta, e pinot noir.
Tra i Cava DO di Cofama troviamo due interessanti spumanti prodotti con metodi totalmente naturali, ovvero il Cava Brut Organic DO “Cavarnícola” e il Cava Brut Nature Organic DO “Cavarnícola”; due vini piacevolmente fragranti e dall'acidità ben integrata, perfettamente rappresentativi della regione natia.
Un'altra denominazione molto nota è certamente quella di Penedés; DO dal 1966, è considerata, tra le varie zone vitivinicole spagnole, una delle più pregiate e qui prendono vita eccellenti vini bianchi e rossi.
Oggi Cofama è un'azienda solida, guidata da un team preparato e fortemente appassionato, in grado di dar vita a prodotti di qualità, che non faticano ad attrarre, ogni giorno, nuovi estimatori; ne sono riprova anche i numerosi premi conquistati, sia in occasione dell'IWSC, International Wine and Spirits Awards, che del Concorso Mondiale di Bruxelles, e le illustri recensioni ricevute, negli anni, da addetti ai lavori e riviste di settore, come Wine Spectator.