Untitled-1

Castello di Perno


Il pittoresco borgo di Perno sorge nel cuore delle Langhe; costruito, come fortino difensivo, in epoca medievale e, poi, trasformato, tra il XVII e il XIX secolo, in dimora residenziale, il Castello di Perno affaccia su dolci colline interamente occupate da vigneti. Il Castello, inoltre, è anche da considerarsi un importante tassello della storia e della cultura italiana: fu sede, infatti, della Casa Editrice Giulio Einaudi, residenza per lo studio e l’attività artistica degli scrittori einaudiani, in primis Primo Levi, e teatro di seminari e incontri tra le più grandi personalità dell’età repubblicana. Attualmente di proprietà di Gregorio Gitti, il Castello di Perno è sede di un interessante progetto enologico e l'intenzione è quella di farlo tornare ad essere una "casa per la cultura", con particolare attenzione alle arti contemporanee. Nello specifico, il progetto enologico di Castello di Perno, pur rispettando la tradizione, intesa come patrimonio di tecniche e conoscenze specifiche di un terroir storico, la interpreta attraverso una sensibilità che vuole rinnovarsi nel tempo, con la consapevolezza che i vini nascono, invecchiano e migliorano, esattamente come gli stessi uomini che li cercano come buona compagnia. Attualmente la cantina produce un Langhe Nascetta DOC, un Dolcetto d'Alba DOC, un Barbera d'Asti DOCG, un Langhe Nebbiolo DOC e un Barolo DOCG; si tratta di tutti vini di alta qualità, tra cui spiccano, sicuramente, gli ultimi due. Il Langhe Nebbiolo DOC, segnato da sentori di fragola e lampone, note floreali e cenni terrosi, affina per otto mesi in botti grandi di rovere francese, e rivela, fin dal colore, tutti i tratti più tipici del nobile vitigno da cui nasce; è, in definitiva, un vino in grado di regalare un sorso piacevolmente appagante, da cui è facile lasciarsi conquistare. Il Barolo DOCG, invece, di corpo pieno, tannini vellutati, buona vena acida e finale persistente, affina per 24 mesi in botti grandi di rovere austriaco, e, inciso e di vigore, è un vero e proprio ammaliatore.