Untitled-1

La Fornacina


Fondata da Ruggero Biliorsi, l'Azienda Agricola "Fornacina" ha visto come primo vino prodotto proprio il Brunello di Montalcino; era il 1981 ed oggi, guidata dai figli di Ruggero, Simone e Mauro, l'azienda conserva immutato il suo fine ultimo: produrre vini di qualità, in grado di esaltare tutte le peculiarità della terra natia.
L'Azienda, sostenuta anche dalla collaborazione con l'enologo Attilio Pagli e l'agronomo Folco Giovanni Bencini, ha ottenuto, nel 2004, la certificazione BIO, a ulteriore testimonianza di quanto la qualità, il rispetto per il territorio e la salvaguardia della natura rappresentino, da sempre, per questa realtà, delle vere ed inscindibili priorità.
La cantina, costruita su due livelli (uno dei quali interrato), è pensata e realizzata per introdurre la giusta dose di modernità nella produzione, permettendo di svolgere al suo interno tutte le fasi produttive, dalla vinificazione, passando per l'invecchiamento fino all'imbottigliamento. L'Azienda consta, al momento, di 5 ettari vitati; di questi, tre si estendono intorno alla Tenuta, ad un'altitudine di 400 metri sul livello del mare, mentre gli altri due si trovano sul versante sud di Montalcino, nella zona di Castelnuovo dell'Abate. L'Azienda commercializza, esclusivamente, ciò che riesce ad ottenere dai suoi terreni, con una produzione media che oscilla dalle 20 mila alle 25 mila bottiglie annue, suddivise tra Brunello di Montalcino DOCG, Brunello di Montalcino Riserva DOCG (solo nelle annate eccezionali) e Rosso di Montalcino DOC; le vinacce ottenute dopo la fermentazione, vengono, inoltre, trasformate in Grappa di Brunello.
La continua presenza in vigna, l'accurata selezione dei grappoli prima e durante la vendemmia e il connubio di uve provenienti dai due distinti versanti collinari, sono, in definitiva, gli ingredienti principali (ed anche i più preziosi) per la produzione dei vini di indiscussa eccellenza della Fornacina.