Untitled-1

Domaine Saint-Préfert


La storia di Domaine Saint-Préfert inizia oltre un secolo fa, nel 1920, a Châteauneuf-du-Pape, località della Francia meridionale nota in tutto il mondo per l’omonimo vino. Dal 2002 l’azienda è condotta da Isabel Ferrando, assieme al marito e al figlio. Isabel, che non proviene da una famiglia di viticoltori ma è da sempre appassionata di vino, ha il suo lavoro in tutt’altro settore, per seguire il cuore, l’istinto e la sua grande passione: il vino ma soprattutto Châteauneuf-du-Pape. Per rinnovare l’immagine della storica cantina e lo stile produttivo sono state adottate con rigore le regole dell’agricoltura biologica e biodinamica. La filosofia di Domaine Saint-Préfert poggia su una serie di principi che hanno come filo conduttore il legame con il territorio, come ad esempio: collaborazione con fornitori locali, esclusione di qualsiasi prodotto chimico, riciclo delle acque reflue, sviluppo delle biodiversità e riduzione dei rifiuti. La cittadina di Châteauneuf-du-Pape non è che un piccolo agglomerato di case di pietra nell’arida e profumata campagna, dominata dalle rovine della residenza estiva del papa. Il vino che porta il suo nome è il magnifico alfiere del Rodano del Sud. Un’area che viene tradizionalmente associata ai “galets”, i tipici ciottoli rotondi che si trovano in molti dei vigneti, ma che in realtà presenta una notevole variabilità geologica. Per produrre lo Châteauneuf-du-Pape AOC rosso possono essere impiegate fino a 13 varietà e il Domaine Saint-Préfert fa ricorso ai soli grenache, syrah, mourvèdre e cinsault, mentre per la versione bianca utilizza clairette e roussanne.