Untitled-1

Sergio Arcuri


La cantina calabrese “Sergio Arcuri”, di Cirò Marina, affonda le proprie radici nel XIX secolo, quando, esattamente nel 1880, Peppe Arcuri iniziò a coltivare la vite con grande passione e con forte spirito di sacrificio. Suo nipote Peppe, nato nel 1931, già a 9 anni a fianco di suo nonno nella coltivazione della vigna, ereditò da lui esperienza e tecnica di vignaiolo, divenendo ben presto innestatore e coltivatore di viti (sono centinaia di ettari di viti innestate da lui con successo nel corso della sua gioventù) nonché qualificato produttore di vino rosso genuino, ricavato da propria uva “gaglioppo” tipica della zona. Peppe aprì nel 1973 una sua cantina, continuando le attività di produzione e vendita di vino sfuso, soddisfacendo così le richieste dei clienti sempre più numerosi ed esigenti. Oggi, sono i pronipoti Sergio e Francesco che, coadiuvati dal loro padre, portano avanti ciò che è stato avviato quasi un secolo e mezzo fa. Allevando esclusivamente uve gaglioppo, i circa quattro ettari di vigneti aziendali sono condotti applicando i criteri dell’agricoltura biologica, per cui le viti crescono nel pieno rispetto dell’ambiente e dell’ecosistema, arrivando così a regalare grappoli schietti, naturali e pregiati. In fase di vinificazione e affinamento, sfruttando una moderna cantina completamente rinnovata nel 2009, sono ottenute le quattro etichette “Sergio Arcuri”, corrispondenti a “Aris”, “Il Marinetto” e “Più Vite Cirò Riserva”, vini tipici e genuini, fortemente aderenti al territorio, ed espressione sincera della denominazione certamente più rinomata tra quelle calabresi. Tutti i loro vini nascono da vigneti esclusivamente biologici, nel pieno rispetto della natura e delle tradizione, l'anidride solforosa è utilizzata al minimo indispensabile, le fermentazioni sono sempre spontanee, senza mai l'aggiunta di lieviti selezionati, la vendemmia è esclusivamente manuale, insomma le forzature non sono di casa qui, qui l'uva, il territorio e la passione parlano da sé!