Untitled-1

Pira


Realtà di grandissima tradizione, quella fondata a Serralunga d’Alba da Luigi Pira negli anni ’50 è da sempre un punto di riferimento per la qualità della sua produzione. Negli anni '50 e nei decenni successivi le grandi cantine dell’Albese andavano, infatti, cercando le migliori uve per i loro vini ed avevano trovato in Luigi un solido ed affidabile fornitore. È a partire dagli anni ’90, grazie anche alla spinta del figlio di Luigi, Gianpaolo, che l’identità dei Barolo di Pira prende corpo; è infatti in quel periodo che il vino prodotto delle vigne storiche di famiglia viene vinificato ed imbottigliato singolarmente. I vigneti della famiglia Pira si estendono su 12 ettari, sul versante ovest di Serralunga, sulle colline che guardano il paese di Monforte; tra questi la metà è suddivisa in tre importanti cru del Barolo (Vigna Marenca, Vigna Margheria e Vigna Rionda), mentre i restanti 6 ettari di vigneto sono dedicati alla produzione di Barbera, di Dolcetto e di Nebbiolo. I vini firmati Pira, in pochissimo tempo, si sono affermati tra appassionati e addetti ai lavori grazie ad un rigore ed un’eleganza unici; l’attento lavoro manuale in vigna e le pratiche virtuose in una grande cantina restaurata e modernizzata permettono, infatti, di produrre grandi vini rossi, su cui spicca, senza dubbio, il Barolo, da sempre considerato da Luigi Pira un dono prezioso della terra, da raccogliere e preparare al meglio, nel nome della qualità. Oggi Gianpaolo è affiancato nel suo lavoro anche dai fratelli Romolo e Claudio e i loro vini continuano, come agli inizi, a rispecchiare la qualità dell’uva e le caratteristiche uniche delle colline di Serralunga d’Alba. Si tratta di vini austeri, di grande carattere e naturalmente molto longevi: Barolo profondi e materici affiancati, come nella migliore tradizione delle Langhe, da Dolcetto, Barbera e, ovviamente, Nebbiolo.