Untitled-1

Nicolas Maillet


Nicolas Maillet è viticoltore, o contadino, come lui stesso ama definirsi, per tradizione di famiglia; dal 1999, infatti, Nicolas segue i passi del padre, economista di formazione, che negli anni '80, deciso a cambiar vita, iniziò a produrre uve da vendere poi alla cooperativa locale. Nicolas, però, dopo esser subentrato, è stato fautore di una vera e propria svolta, iniziando a produrre, autonomamente, il proprio vino a partire dai 7,5 ettari di proprietà a Verzé, nel sud della Borgogna. Minimalista in vigna, Maillet utilizza preparazioni biodinamiche (silice, 500, ecc.), oltre ai prodotti autorizzati dalla regolamentazione biologica e il suo approccio è talmente rispettoso del terroir che la sua ambizione ideale sarebbe riuscire a rinunciare anche a rame e zolfo, lasciando alla vigna la possibilità di difendersi da sola. In cantina, naturalmente, i metodi utilizzati sono altrettanto delicati e poco invasivi: lunghissime fermentazioni spontanee condotte dai soli lieviti indigeni, affinamenti senza travasi, imbottigliamento dopo una leggerissima e blanda filtrazione. Oggi Nicolas, con il solo aiuto della moglie Aline e di un dipendente, porta avanti, autonomamente, tutti i lavori legati alla vinificazione e produce un famoso Aligoté, ben tre Chardonnay in purezza e un Gamay a partire da vigne tra i 10 e 75 anni; tutti vinificati in acciaio, senza passaggio in legno, i vini di Nicolas riflettono, nella loro elegante purezza, il metodo di lavoro del loro produttore, sensibile e perfezionista. Nicolas, infatti, acuto, caloroso e guidato da un autentico spirito contadino, produce vini di grande espressività, in grado di restituire all'avventore il carattere “bon vivant” del produttore; si tratta di bianchi soprattutto, ma anche di rossi, che combinano, superbamente, la purezza della frutta ad una energia traboccante: bere i vini di Nicolas è un po' come mordere un frutto appena raccolto dall'albero, alla perfetta maturità, lasciando che la sua succosità ci rinfranchi.