Untitled-1

Feudo Disisa


L'azienda agricola Feudo di Disisa si trova in Sicilia, in provincia di Palermo, ad una altitudine di 400-500 metri sul livello del mare; all'interno delle DOC Alcamo e Monreale, per quanto riguarda la produzione vitivinicola e, invece, nel comprensorio della DOP Val di Mazara per quella oleivicola. L'azienda si estende su 400 ettari e, il centro aziendale, dominante rispetto al resto della tenuta, è situato nelle adiacenze di una antica torre saracena, restaurata dalla famiglia Di Lorenzo, proprietaria del Feudo; da qui i Saraceni controllavano l'intero territorio del Belice e dello Jato, che si estende dalle montagne del Corleonese sino al golfo di Castellammare. Fin dal 1970 i Di Lorenzo, in collaborazione con l'Istituto Regionale Vini ed Oli di Sicilia, hanno effettuato una sperimentazione ad ampio spettro per verificare l'adattamento ai terreni ed al clima siciliano dei più importanti vitigni nazionali ed internazionali, non è quindi un caso che il Feudo vanti il primo e più vecchio vigneto di uve chardonnay della Sicilia. Qui, lo chardonnay, come il muller thurgau, contro ogni pronostico e grazie alla generosità del territorio, al clima e alla passione autentica dedicatagli dagli uomini del luogo, si sono arricchiti, con gli anni, di sfumature proprie, regalando vini dalla forte personalità. La tenuta, il cui nome Disisa deriva probabilmente dalla parola araba "Aziz" ,"la splendida", di proprietà, dal 1182 della Diocesi di Monreale, fu prima ceduta, dall'Arcivescovado, ad una famiglia dell'aristocrazia palermitana, e poi, con l'abolizione dei privilegi feudali, fu acquistata dall'arciprete Nicolò Di Lorenzo, avo degli attuali proprietari. La terra ove sorge il Feudo, nota da sempre per la sua peculiare fertilità, spesso al centro anche di leggende popolari, offre a chi si accosta ai suoi frutti la possibilità di intraprendere un viaggio meraviglioso nelle terre di Sicilia, scoprendone tutte quelle peculiarità che ne fanno un territorio davvero unico.