Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Corte San Benedetto


"L'azienda agricola Corte San Benedetto si trova ad Arbizzano di Negrar, comune della Valpolicella, nell'antica corte rurale da cui ha preso il nome.
L'azienda, a conduzione famigliare, è nata nel 2006, quando i fratelli Angelo e Loris, con l'aiuto del padre Mariano, hanno deciso di portare avanti l'attività avviata, nel 1956, dal nonno Angelo.
Verso la fine del 1800, infatti, la famiglia Lavarini, ceduti i possedimenti sui monti della Lessina, si trasferì a Camporal, una piccola località sulle colline di Marano di Valpolicella, e qui iniziò a coltivare le poche viti allora esistenti.
Nel secondo dopoguerra, però, vista la crescente richiesta di vino, Angelo, il nonno di Angelo e Loris, dotò l'azienda di tutte quelle strutture necessarie a soddisfare un mercato sempre più ampio e ben presto alle viti già esistenti se ne aggiunsero altre, provenienti da altre località della Valpolicella.
Oggi Corte San Benedetto conta 18 ettari di vigneto, tutti di proprietà, di cui 4 nella zona classica e se è Loris, laureato in enologia, a lavorare in cantina ed a occuparsi della vinificazione, spetta ad Angelo curare i rapporti con la clientela.
Il vigneto più giovane dell'azienda è del 2005/2006 e si trova nei pressi del Castello di Montorio; qui si è optato per un sistema di allevamento a spalliera guyot, che consente di ottenere una densità molto elevata e un buon grado di meccanizzazione in caso di sfavorevoli condizioni climatiche in fase di vendemmia.
Corte San Benedetto vanta, però, anche viti molto vecchie; quelle poste, infatti, a San Dionigi, Arbizzano e San Felice, hanno mediamente 40 anni di età e qui si trovano le varietà autoctone, tipiche della valpolicella: corvina, corvinone, rondinella e molinara.
Attualmente l'azienda produce Amarone della Valpolicella, Recioto della Valpolicella, un Passito da uve garganega e trebbiano toscano e il particolarissimo ""Il mio Corte"", dal gusto complesso e avvolgente, nato da una doppia fermentazione sulle uve rimaste in appassimento fino a Dicembre.
"