Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Corte dei Papi


L’azienda Agricola Corte dei Papi si estende su una superficie di circa 190 ettari totali, articolati all’interno di quella porzione di territorio ricompresa fra i comuni di Paliano e di Anagni all’interno della provincia di Frosinone, zona che rappresenta il fulcro di una delle tre DOCG della regione Lazio, la Cesanese del Piglio.
La tenuta, fondata recentemente, più precisamente nel 2004 da Antonio Di Cosimo, si struttura intorno a tre complessi collinari diversi, indicati con il nome di Colle Tonno, Colle Ticchio e Colle Richezza. Gli ettari attualmente destinati a vigneto sono circa 25, dove si coltivano sia uve a bacca bianca che rossa, come cesanese, sangiovese, passerina, malvasia puntinata, malvasia di Candia, trebbiano e sauvignon blanc. Le piante vengono allevate con il sistema del cordone speronato e molta attenzione viene dedicata, durante il corso dell’anno, alla potatura verde, pratica fondamentale, che consente di abbassare notevolmente le rese per ettaro, in perfetta armonia con la filosofia aziendale che predilige la grande e mirata qualità alla mera e quasi sempre dannosa quantità. Anche nella cantina, situata oggi all’interno di un edificio completamente ristrutturato che in precedenza era adibito a ovile, ogni operazione che dall’uva porta al vino come prodotto finito viene seguita con scrupolo e attenzione, per far sì che le circa 70.000 bottiglie realizzate ogni anno siano sempre all’altezza dei rigidi standard prefissati dalla proprietà.
Le etichette proposte sono sette, dove dalla Passerina del Frusinate si arriva sino al “Colle Sape”, attraversando le sfumature organolettiche dell’“Ottavo Cielo”, espressione di una delle DOCG - quella del Cesanese del Piglio - più recenti di tutto il panorama vitivinicolo italiano. Ogni prodotto porta fiero in etichetta il logo aziendale, che si rifà al simbolismo del pavimento della Cattedrale di Anagni, per un’immagine estetica dove tradizione millenaria e modernità convivono in coerenza e simmetria.