Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Calle 23


Pochi distillati al mondo incarnano lo spirito di un paese intero come avviene con la Tequila per il Messico. Si tratta infatti di un prodotto che, in questa nazione, ha origini molto antiche: si trovano tracce della sua presenza sin dai tempi degli aztechi, ben prima che arrivassero i tempi della dominazione spagnola. Infatti i sacerdoti delle popolazioni azteche, gli unici autorizzati ad assaggiare la Tequila, erano soliti consumarla per entrare in uno stato di incoscienza, in cui riuscivano ad avere contatti con le divinità superiori.
Col passare dei secoli la Tequila divenne largamente diffusa, per giungere oggi a ricoprire il ruolo di uno dei distillati più commercializzati al mondo, con diverse realtà produttive che si dedicano alla sua realizzazione.
Tra queste troviamo Calle 23, distilleria che si dedica a una produzione precisa e puntuale, in cui il livello qualitativo è molto alto.
Si parte dalla selezione di agave blu nella zona di Los Altos de Jalisco, area situata fra le città di Tepatitlan e Arandas. Qui le piante di agave beneficiano di un clima caldo e soleggiato, secco, seguito da intense stagioni piovose che rendono fecondo il terreno, ricco di minerali. Ogni agave impiega circa 7-9 anni per raggiungere la maturità piena: un lungo periodo durante il quale il team di Calle 23 continua a monitorare l’evoluzione di ciascuna pianta. Una volta maturate, le piante vengono raccolte manualmente dai “jimadores”, che prendo solo il cuore dell’agave, la cosiddetta “piña”. Si procede quindi con la cottura in forni di acciaio inossidabile, della durata di 15 ore. Le fibre e gli zuccheri naturali vengono estratti dalle agavi cotte e fatte fermentare naturalmente per ottenere una bevanda con una bassa percentuale di alcool. Si procede quindi con due lente distillazioni in alambicchi di rame, da cui nasce finalmente la Tequila, successivamente imbottigliata a mano. Un iter produttivo meticoloso e altamente artigianale, che porta alla creazione di quattro etichette, - Blanco, Reposado, Anejo e “Criollo” – perfette per essere degustate lisce o all’interno di cocktails di ultima generazione.