Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Avide


Nata nel 1882 in una Sicilia post-unitaria tenacemente ancorata al retaggio borbonico - per molti versi ancora gattopardesca - la cantina Avide è stata fondata dai Demostene, famiglia di uomini di legge prima avvocati e poi notai.
Dai tempi in cui la maggior parte delle uve era venduta e il poco vino prodotto destinato quasi esclusivamente all’autoconsumo familiare, molti vigneti sono stati acquistati, sempre nelle zone più vocate dell’altopiano ibleo, cosicché oggi l’azienda può contare circa settanta ettari vitati, in gran parte estesi entro i confini della denominazione del Cerasuolo di Vittoria, unica DOCG della Sicilia. Ormai consci del potenziale dei propri vigneti, il notaio Giovanni Demostene, coadiuvato dalla sorella Maria Stella e dal cognato Giuseppe Calcaterra, decisero nel 1987 di iniziare a vinificare e a imbottigliare in proprio tutte le uve prodotte.
Dopo aver iniziato, in tempi più recenti, ad avvalersi della consulenza dell’affermato enologo e agronomo Carlo Ferrini, Avide propone attualmente una vasta gamma di vini concepiti grazie agli accorgimenti più innovativi, tutti affidabili, equilibrati e morbidi, con alcune etichette che arrivano a declinare un registro di maggior peso estrattivo, al punto da poter essere in grado di invecchiare in cantina per molti anni a venire.
Tra il mare e i monti Iblei, su terreni sabbiosi e calcarei, lo scenario appartiene al territorio del comune di Comiso, in provincia di Ragusa. È qui dove è la Sicilia più vera quella che viene raccontata nelle bottiglie che escono dalla cantina di contrada Mastrella. Bianchi, Rossi e Spumanti, poi Passiti e distillati: rigorosamente coltivate secondo le norme dell’agricoltura biologica, sono le uve autoctone di insolia, nero d’Avola e frappato, e poi anche quelle internazionali del cabernet sauvignon, che danno vita a vini dal carattere autentico e originale, simbolo di una terra da sempre porta aperta sul Mediterraneo, nonché crocevia di popoli e punto d’incontro di culture lontane. Vini di ampio respiro, fedeli come pochi altri al terroir che li ha visti nascere.