Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Alkkemist


Il Gin Alkkemist viene realizzato da una piccola distilleria spagnola, conosciuta solo ai veri appassionati. Siamo infatti di fronte a un distillato ""ultra premium"", di assoluta qualità, che vuole esplorare nuovi orizzonti curando la produzione nei più piccoli dettagli.
Innanzitutto bisogna porre l'accento sull'esclusività di una produzione che viene distillata solamente dodici volte l'anno, durante le notti di luna piena, instaurando quindi una particolare relazione con la natura e con i suoi cicli lunari. Si effettua una quadrupla distillazione in alambicco di rame, partendo da una base alcolica ottenuta da cereali altamente selezionati, con un processo rigoroso di infusione che coinvolge ben 21 ""botanicals"", tra le quali ritroviamo finocchio, salvia, verbena, camomilla mahon, timo, finocchietto selvatico, ginepro, radici di angelica, buccia di limone e menta poleggio. Il ""cuore"" del distillato rappresenta quella porzione più pura del processo di distillazione, in cui profumi e sapori si concentrano con la maggiore intensità, raggiungendo l'apice qualitativo.
Poi non si può non citare la particolarità che fa dell'Alkkemist un Gin unico, ovvero l'aggiunta, al termine del processo di distillazione, dell'uva moscato, che garantisce una paletta di profumi originali al distillato finale. Anche il packaging ha il suo perché, richiamando la tradizione e le leggendarie pozioni alchemiche medievali, quelle che ristabilivano le forze non solo fisiche, ma anche quelle mentali.
L'Alkkemist Gin è talmente buono che può essere consumato liscio o con ghiaccio, oltre a rappresentare l'ideale quando ci si vuole un concedere un Gin & Tonic di qualità. I Bartender, veri e propri alchimisti di oggi, non possono che rimanere affascinati da un prodotto la cui versatilità è davvero ammirevole, che consente abbinamenti azzardati, che vogliono sconvolgere i limiti delle regole già esistenti a dimostrazione di come, anche nel mondo dei Gin, ci sia ancora spazio per fare innovazione proponendo etichette in grado di discostarsi dalla massa.