Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Cascina Rabaglio


Storica area geografica della regione del Piemonte, quella delle Langhe è una zona che si estende a cavallo tra le due province di Asti e Cuneo. Confinante con altre due aree geografiche altrettanto rinomate - quali quella del Roero e quella del Monferrato - la zona delle Langhe rientra nella lista del “Patrimonio dell’Umanità” stilata dall’Unesco, ma soprattutto rappresenta un punto di riferimento indiscusso per ciò che riguarda l’enologia italiana d’eccellenza. Barolo, Barbaresco, Dolcetto, Nebbiolo, Barbera e Freisa, poi anche Chardonnay e Arneis: è dalle Langhe che ci arrivano alcuni di quelli che al momento sono i migliori vini che sia possibile incontrare nel palcoscenico vitivinicolo dello Stivale.
Basato nella Langa di Treiso, Filippo Rigo è un promettente produttore, per quanto ancora giovane e destinato a sicura crescita negli anni a venire. Da enologo per diverse aziende dell’albese a fondatore di Ai Rabaj - nome che riprende quello della piccola azienda che fu gestita dal nonno nella borgata Rabaj, localizzata alle porte di Alba - il passo potrebbe sembrare breve. Eppure, considerato che sono dovuti trascorrere ben sette anni prima che Filippo decidesse di presentarsi ufficialmente al mercato coi vini del millesimo 2012, è intuibile come il lavoro dello stesso Filippo non debba essere stato esente da un meditato travaglio, fatto di sperimentazioni e finalmente di scelte gravide di conseguenze per l’identità dei vini, in ogni caso scevro da pregiudizi e lontano dal miope conformismo legato alle tendenze o alle mode del momento.
Mosso dalla propria conoscenza e dall’esperienza maturate sul campo negli anni, continuamente rimesse in discussione dall’irreprimibile curiosità, Filippo propone vini puliti, accessibili nello stile e nel prezzo, alcuni già oggi ottimamente focalizzati, frutto di un’agricoltura ecosostenibile che attraverso accorgimenti anche raffinati mira alla preservazione dell’equilibrio della flora, ma anche altresì della fauna del vigneto. Un’azienda da seguire negli anni, certi del fatto che già oggi è in grado di offrire molti spunti interessanti per una visita.