Untitled-1

Il Lambrusco è brioso, piacevole e conviviale, un compagno dalla beva irresistibile, che abbiamo selezionato tra le grandi cantine dell’Emilia Romagna. Ca’ De’ Medici e Caprari sono tra queste, due novità assolute che vi proponiamo per la loro storia, la qualità e la costanza produttiva che rappresentano una vera e propria certezza per tutti gli appassionati di questo vino. Tra le “perle rosse” di questa proposta, vi segnaliamo il “Remigio 100” di Ca’ De’ Medici dagli aromi di piccoli frutti del sottobosco e il "Bollino Rosso" di Caprari, segnato da tratti olfattivi vinosi e sorso appagante, che si sposano splendidamente coi sontuosi salumi dell’Emilia Romagna, lo gnocco fritto e le tigelle. Due aziende storiche che hanno fatto il successo del Lambrusco anche all’estero, oggi riunite sotto lo stesso marchio. Fondata nel 1911, Ca’ De’ Medici, è oggi un’azienda che esporta in venti Paesi al mondo, tra cui Germania, Belgio e Stati Uniti, guidata dalla quarta generazione di viticoltori, che ha assorbito anche l’importante cantina Caprari. La nostra selezione non finisce qui, a voi il piacere di scoprire gli altri produttori del Lambrusco che hanno reso grande questo vitigno antichissimo. Molti non sanno, infatti, che la “vitis labrusca” è stata recentemente ritrovata in alcune anfore di terracotta, tanto da dimostrare come questa antica varietà fosse amata dagli Antichi Romani, che già allora producevano un vinello leggero e frizzante. Oggi il Lambrusco viene fatto generalmente con metodo Charmat, un processo che prevede la rifermentazione da bassa gradazione alcolica in autoclave, anche se negli ultimi anni c’è chi ha iniziato a utilizzare il metodo classico (rifermentazione in bottiglia).