Untitled-1
Velier

Rhum Agricole "Communal" - Clairin, Velier (0.7l)

25,20 €

Esaurito

  • Alcol: 43%

  • Formato: 0.7l

  • Temperatura di servizio: 16/18 °C

  • Momento per degustarlo: Serata tra intenditori

  • Giudizio di Tannico: 93pt

  • Tipologia: Distillato

Note di degustazione

Incolore e cristallino alla vista. I profumi che avvolgono il naso tracciano un profilo tipicamente vegetale, in cui erbe e foglie di diverse piante si alternano in un bouquet quanto mai estroso. Entra in bocca con un sorso fasciante, di buon corpo, coerente a livello gustativo con la traccia erbacea già avvertita al naso.

distilleria

Velier rappresenta una delle realtà italiane più grandi e rilevanti nell'ambito dell’importazione e della distribuzione di liquori, di distillati e di vini di qualità.
Fondata attorno alla... vai alla scheda della distilleria

Rhum Agricole "Communal" - Clairin, Velier (0.7l): Perché ci piace

Sull’etichetta di questo Rhum Agricole “Communal” campeggia una scritta, “l’union fait la force”. Già, perché questo distillato nasce da una sapiente miscelazione effettuata da Clairin di Rhum di Haiti Sajous, Vaval, Casimir e Le Rocher, che si presentanta con un biglietto da visita tutto erbaceo. Un prodotto tradizionale, che incarna lo spirito dell’isola e che racconta ancora una volta la grande ambizione di Velier all’interno del settore dei distillati.

Imbottigliatore/Selezionatore

Velier rappresenta una delle realtà più grandi e rilevanti nell'ambito della distribuzione e importazione italiana. E' stata fondata nel 1947 a Genova ed era inizialmente specializzata nell'importazione di distillati. L'attività si è poi ampliata anche ai vini e, successivamente, inizia il lavoro di selezione di barili di Whiskies e Rhum commercializzati poi con il proprio marchio.
Ed è proprio a Luca Gargano, che nel 1983 entra in Velier acquistandone una quota assieme al fratello Paolo, che si deve la scoperta di alcuni degli ultimi barili prodotti dalla Caroni. Luca, nell’ottobre del 2004 si reca nei Caraibi per visitare la sede della storica distilleria di Trinidad. Lo spettacolo che gli si presenta è terribile: l’azienda è ormai in disuso, lo zuccherificio con annessa la distilleria, di proprietà statale, è stato oramai chiuso. Vedendo che veniva utilizzato un sistema d’imbottigliamento manuale, molto artigianale, Luca chiede se avessero ancora dei barili in invecchiamento. Così fu portato davanti alla porta di un magazzino che custodiva centinaia di barili di Rum, alcuni dei quali risalenti addirittura al 1974, usati per tagliare i Rum più giovani.
Pochi mesi più tardi, alcuni di quei barili furono mandati in Italia per essere valutati e analizzati dal punto di vista qualitativo. I Rum risultarono eccellenti, e si decise di imbottigliarli a pieno grado per mantenerne l’equilibrio. Fu l’inizio di un nuovo marchio e di una linea di Rum che conservano il respiro di un’epoca che non c’è più. Sono Rum ricchi di storia, aromi e profumi che non verranno mai più prodotti.
È in questa maniera che oggi rivive l’antica e storica distilleria Caroni, nata nel 1918 e non più operativa dal 1993: in tutte quelle etichette in cui campeggia il nome “Caroni”, ritroviamo un pezzo di storia, di quella che è stata una distilleria mitica, come mitici sono i Rum che ha prodotto, tra i pochi a essere stati distillati e invecchiati interamente nei Caraibi.

Chi ha acquistato questo articolo ha acquistato anche

I più venduti

Altre promo