Untitled-1

In attesa della Notte degli Oscar, vi proponiamo i vini di Oscar Farinetti, fondatore di Eataly e proprietario di Fontanafredda, Mirafiore, Borgogno e le Vigne di Zamò. La statuetta come “Migliore attrice non protagonista” va alla “Bela Rosin”, la bella Rosina, moglie morganatica (senza titoli ereditari) del primo re d’Italia, che risiedette presso Fontanafredda per anni. La storia commerciale di Fontanafredda inizia col figlio naturale di Rosina e del re, Emanuele Guerrieri Conte di Mirafiore, dotato di lungimiranza e spirito imprenditoriale, che comincia a produrre vino a partire dal 1878. Oggi dagli 85 ettari vitati di Fontanafredda nascono grandi vini come Barolo, Barbera, Dolcetto e spumanti metodo classico, che raccontano lo splendido territorio langarolo da cui nascono. L’Oscar per la “Migliore sceneggiatura originale” va nuovamente a Fontanafredda per il progetto “Volumi Bollati”, nato per proporre un consumo più consapevole di vino. La statuetta per i “Migliori effetti speciali” va alla rinascita della cantina di Mirafiore, marchio storico delle Langhe che è ritornato a produrre vini eccellenti, dopo un periodo di oblio. Si tratta di una cantina che ha contribuito all’affermazione del Barolo nel mondo, che dopo la sua acquisizione da parte di Fontanafredda, ha ricominciato a produrre grandi vini sotto lo storico marchio originale “Casa E. di Mirafiore”. L'Oscar alla carriera va a Cesare Borgogno, figura carismatica della viticoltura del Novecento, che ha capito il potenziale del Barolo, conservandone le annate migliori. Un pioniere di questa tradizione, che ci riconsegna oggi la memoria storica sulla potenzialità di invecchiamento dei migliori Barolo di sempre. La statuetta come “Migliore regista” non può che andare infine proprio a Oscar Farinetti, imprenditore di successo, che da pochi anni ha acquisito anche le Vigne di Zamò, importante cantina friulana. Deus ex machina del suo gruppo, Farinetti è riuscito in questi anni a rilanciare con passione il meglio del cibo, del vino e delle tradizioni agricole del nostro Paese. And the Oscar goes to Oscar. Un brindisi e buona visione.

Altre promo