Untitled-1

Da sempre grande snodo commerciale, la Valtellina ha storicamente unito l’Italia alla Svizzera e a tutto il nord Europa. Si tratta di un territorio le cui strade sono state percorse da popoli e da civiltà che con il passare dei secoli hanno lasciato un contributo oggi ben riconoscibile attraverso le tradizioni, la cultura, i prodotti tipici. Intorno al più importante di questi, il vino, si è creata una grande comunità che ancora oggi porta avanti gli stessi procedimenti produttivi di allora utilizzando quello che è universalmente riconosciuto come uno dei più grandi vitigni del mondo, il nebbiolo (qui chiamato chiavennasca). Il Valtellina Superiore è infatti vino ricchissimo di dettagli e sfaccettature, austero ed armonioso, capace di sorprendere anche a distanza di moltissimi anni dalla vendemmia. Un rosso che trasmette in modo inequivocabile la zona in cui nasce, non è un caso che proprio questa denominazione così importante preveda ben cinque sottozone, tutte con caratteristiche leggermente diverse tra di loro: Maroggia, Sassella, Grumello, Inferno e Valgella. Non solo, la Valtellina è anche la casa di uno dei più famosi vini passiti secchi italiani, lo Sforzato. Un rosso robusto, solenne, di grandissimo fascino.

Altre promo