Untitled-1

E’ innamorato della Puglia, Bruno Vespa, una terra splendida dove ha realizzato il sogno di fondare la sua cantina, assieme ai figli Federico e Alessandro. A capo del progetto enologico di Futura 14 - questo il nome della cantina - c’è Riccardo Cotarella, enologo di fama mondiale, che ha valorizzato i vitigni autoctoni regionali tra cui primitivo e negroamaro. Un rosso che non lascia indifferenti è senza dubbio il Puglia Rosso IGP “Il Bruno dei Vespa”, da primitivo in purezza, che si presta come ottimo vino d’apertura. A seguire, per una cena tutta a base di carne alla brace, stappate il Primitivo di Manduria DOC “Raccontami”, che apprezziamo per quei golosi aromi di spezie dolci e frutti di bosco, sorso morbido e setoso, che si è aggiudicato i Tre Bicchieri del Gambero Rosso. La Masseria Li Reni da cui nascono questi vini è un ex convento, passato nelle mani dei Vespa nel 2015, dopo essere stata per anni di proprietà della famiglia Selvaggi, nota nel territorio e titolare di un palazzo storico a Manduria. Gli ettari vitati sono 25, alcuni di recente impianto e ancora non produttivi, di cui 12 di primitivo di Manduria. L’azienda produce anche spumanti metodo classico e bianchi molto piacevoli e interessanti. Vini dal tratto moderno, che coniugano tradizione e innovazione.

Altre promo