Untitled-1

Col Capodanno alle porte non fatevi sfuggire questa selezione di meravigliose bollicine, che vi porteranno ben oltre la mezzanotte con garbo ed eleganza. Vi proponiamo grandi denominazioni italiane, da quelle della Franciacorta Docg al Trentodoc, fino a travalicare i confini italiani verso le raffinate bollicine della Champagne. Un viaggio in storie diverse, che raccontano territori prestigiosi accomunati dalla stessa passione per il perlage. Nella seconda metà del Seicento, è l’abate benedettino Dom Pèrignon a inventare lo Champagne, sulla cui nascita si intrecciano leggende e storie diverse. Secondo una versione, lo Champagne sarebbe nato per un errore di vinificazione di alcuni bianchi, mentre altri storici ritengono che il processo di spumantizzazione sia stato scoperto dall’abate a seguito di alcuni suoi esperimenti per rendere più gradevoli i vini. In Italia il metodo classico inventato da Dom Pèrignon arriverà molti secoli dopo, riscoperto da alcuni pionieri che cercheranno di produrre spumanti in grado di rivaleggiare con gli Champagne. In Trentino è Giulio Ferrari a intuire per primo lo straordinario potenziale della sua terra, diffondendo lo chardonnay in Italia ai primi del Novecento. In Franciacorta è Franco Ziliani, l’enologo di Berlucchi, a cominciare a produrre negli anni Sessanta spumanti da chardonnay, pinot nero e pinot bianco, alla “maniera dei francesi”. Una selezione, quella odierna, che non si esaurisce con queste tre denominazioni, ma che vi offre altri grandi nomi del panorama vinicolo italiano e internazionale. A voi il piacere di scoprirli.

Altre promo