Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Bosio


L’avventura della famiglia Bosio inizia negli anni ‘90. Franciacortini di origine, i Bosio decidono di buttarsi nel mondo del vino con l’obiettivo di ottenere vini di alta qualità rispettosi allo stesso tempo dell’ambiente, senza mai perdere d’occhio l’innovazione. Nasce così l’azienda Bosio, a Corte Franca, uno dei “cru” della Franciacorta a pochi chilometri dal lago d’Iseo. In provincia di Brescia, si trovano i venti ettari vitati dell’azienda agricola Bosio. Siamo nel cuore della DOCG Franciacorta, dove le caratteristiche dei terreni e il clima particolarmente favorevole, rendono il territorio molto adatto alla coltivazione delle viti, dalle cui uve si riescono a ottenere vini che spesso si posizionano ai vertici dell’enologia italiana. Conciliando la passione per la terra con la voglia di innovare, è attualmente Cesare Bosio che, forte della sua formazione enologica, gestisce l’impresa di famiglia insieme alla sorella Laura, la quale con i suoi studi economici si occupa invece dell’organizzazione aziendale e della rete di vendita. Da realtà emergente, l’azienda Bosio è diventata ormai una delle cantine più affermate del territorio. Tra i filari, le varietà allevate sono quelle di chardonnay, pinot nero, merlot, cabernet sauvignon, cabernet franc e barbera. Seguendo particolari tecniche agronomiche, la densità arriva a toccare i 6.300 ceppi per ettaro, e le rese sono tenute volutamente basse, al fine di prediligere la qualità piuttosto che la quantità. Nel massimo rispetto di ambiente, natura ed ecosistema, si arrivano a raccogliere uve pregiate, schiette e concentrate in ogni loro sfumatura organolettica. È da tutto ciò che prendono vita etichette semplicemente eccellenti, da apprezzare una a una senza tralasciarne nessuna. Dal Franciacorta Brut al Satèn, dall’Extra Brut Millesimato al Rosé, passando per il Brut Nature fino ad arrivare alla gamma dei Curtefranca fermi, sono tutti vini, quelli targati Bosio, in grado di raccontare la migliore enologia del palcoscenico delle rive del lago d’Iseo.