Untitled-1

Human score    Trustpilot Stars    number of reviews    Trustpilot Logo

Ignaz Niedrist


Situata a Ronco, in un luogo incantevole a 500 metri di altitudine sul livello del mare e non molto lontano da Cornaiano, l’azienda di Ignaz Niedrist produce vino sin dalla seconda metà del XIX secolo, dal 1870 per la precisione.
Siamo nell’area vitivinicola dell’Oltradige, ed è qui dove Ignaz ed Elisabeth Niedrist conducono la loro impresa, nel corso dei secoli passata di padre in figlio.
La storia della tenuta è fatta di alti e bassi, e di vicissitudini che hanno segnato il cammino aziendale.
Nei primi anni ’20, dopo che l’Alto Adige venne annesso all’Italia con il Trattato di Versailles, la vita della famiglia Niedrist cambiò radicalmente, anche considerando che dovette affrontare la prematura perdita del capostipite, morto nel 1922. Fu allora nonna Antonia Abraham Niedrist a prendere in mano le redini aziendali, riuscendo a mantenere in vita la tenuta durante il periodo dei due conflitti mondiali, nonostante venne sospesa la produzione vitivinicola.
Nel 1989, successivamente, furono per l’appunto Ignaz ed Elisabeth a subentrare nella gestione dell’impresa, riprendendo la produzione di vino con l’obbiettivo di arrivare a imbottigliare vini di alto livello qualitativo.
Ecco allora che “rinasce” la realtà vitivinicola sotto il nome di “Ignaz Niedrist”, cantina altoatesina che può al momento contare su una superficie di circa nove ettari vitati, distribuiti principalmente a Cornaiano (su terreni morenici di origine glaciale, ideali per la coltivazione del pinot nero, della schiava e del merlot) e a Monte di Appiano (su terreni calcarei composti da un'elevata percentuale di argilla rossa, ideali per le varietà a bacca bianca). Il lagrein è allevato invece sui bassi terreni di bonifica del fiume Talvera, nella classica zona di Bolzano Gries, presso il maso di famiglia Berger Gei, gestito da Elisabeth Niedrist. Ma non finisce qui: Maria, Franz e Johannes Niedrist appartengono alla nuova generazione, già pronta a portare avanti le tradizioni di famiglia, mantenendo alta la bandiera della massima qualità enologica.