Untitled-1

Hunter Glenn Estate


Siamo in California e più precisamente nel cuore della assolata e calda Napa Valley, terra di grandi vini e rinomate tenute vitivinicole. Qui nella Wine Country infatti, convivono e prosperano numerose cantine con lunghe tradizioni enologiche alle spalle, tra cui l’Hunter Glenn Estate.
La storia di questa cantina comincia nel 1942, quando il fondatore Wade Sr. Shifflett acquista insieme alla moglie un appezzamento agricolo di circa 120 acri ai piedi della montagne di Mayacamas. Con il passare degli anni la proprietà si ingrandisce con l’impianto di 60 acri di vigneto, che coltivano insieme ai figli. Nel 1981, con l’arrivo della terza generazione di Shifflett, vengono piantate le prime viti di chardonnay, che daranno origine alla tenuta così come la conosciamo oggi.
Hunter Glenn Estate è condotta ancora oggi dagli eredi della famiglia Shifflett, con Jeffrey Jr. alla guida del vigneto e la sorella Caroline impegnata nella parte commerciale. I vigneti, coltivati in agricoltura sostenibile, attualmente ricoprono circa 5 ettari e sono suddivisi in diverse proprietà e parcelle. In particolare le varietà bordolesi (cabernet sauvignon, cabernet franc, merlot e syrah) sono coltivati a St. Helena e ai piedi della catena montuosa Mayacamas. Lo chardonnay è invece coltivato su terreni argillosi, in una zona dal microclima più mite, influenzato pesantemente dalla vicinanza al fiume Russian e all’Oceano Pacifico.
Le lavorazioni in cantina prevedono ampio uso di legni di diverse dimensioni, con vinificazioni e affinamenti in botti di rovere francese nuove fino al 50% a seconda del tipo di vino e annata. Ne risultano vini californiani complessi ed eleganti, poliedrici e caratterizzati da un sorso persistente, ricco e generoso. Lo Chardonnay Hunter Glenn Estate si propone come uno dei più grandi motivi di orgoglio per questa cantina della Napa Valley, insieme al grande rosso Napa Valley Red Wine, ottenuto da un blend di uve cabernet sauvignon, merlot e cabernet franc.