Untitled-1

Elisabetta Dalzocchio


L’azienda agricola Dalzocchio è situata sulle splendide colline di Rovereto, in Trentino. Famiglia di agricoltori da sempre, fu Riccardo, padre di Elisabetta, che sul finire degli anni ’70, nel 1979 per l’esattezza, acquistò due ettari di vigneti, immersi in altrettanti ettari di bosco, impiantati con uve di pinot nero, che inizialmente Riccardo vendeva a un’azienda spumantistica di Trento.
La prima etichetta nacque nel 1995, e alla fine degli anni ‘90 subentra nell’attività di famiglia Elisabetta, che abbandona la sua carriera di consulente aziendale, per dedicarsi completamente al suo vero amore: il Pinot Nero. Dal 2005, Elisabetta si occupa personalmente delle vendemmie e delle vinificazioni. I vigneti della Cantina sono immersi in un contesto naturale affascinante, da un lato circondato da montagne e dall’altro influenzato dalla brezza che giunge dal Lago di Garda.
Le parcelle hanno tra i 10 e i 32 anni di età, e nel massimo rispetto di quello che è l’equilibrio di ambiente, natura ed ecosistema, sono condotte con i criteri dell’agricoltura biologica dal 2001 e seguono anche la filosofia biodinamica: le rese basse - circa 40-50 quintali per ettaro - garantiscono l’alta qualità di questo magnifico Pinot Nero. La vendemmia avviene rigorosamente a mano e i grappoli sono scrupolosamente selezionati, uno a uno, per partire da una materia prima di primissima qualità. In cantina, tutte le fasi produttive sono rispettose del principale obbiettivo, volto a esaltare e valorizzare tutto ciò che la stagione e il territorio sono stati in grado di esprimere nel frutto. La fermentazione, svolta in tini di rovere, avviene a opera dei soli lieviti indigeni, e successivamente il vino viene lasciato maturare in barrique per 18 mesi. Minimi sono i contenuti di solforosa adoperati.
È così che prende vita il Pinot Nero targato “Elisabetta Dalzocchio”, senza ombra di dubbio da far rientrare sul podio dei migliori Pinot Nero di tutta la Penisola.