Lambrusco

Se cercate un vino brioso e beverino, il Lambrusco è quello che fa per voi. Nel nostro e-commerce troverete, infatti, una selezione delle migliori bottiglie di Lambrusco dall’ottimo rapporto qualità prezzo. Ceci, Cantina di Sorbara, Ariola e Cleto Chiarli sono solo alcune delle cantine dell’Emilia Romagna che abbiamo a catalogo, grandi nomi che hanno fatto la storia enologica della regione. L’origine del Lambrusco è antichissima, tanto che persino i poeti latini, tra cui Virgilio, hanno più volte citato la “vitis labrusca” nelle proprie opere. Recenti ritrovamenti di anfore di terracotta, inoltre, hanno messo in luce come questa antica varietà venisse utilizzata per produrre un vinello frizzante tanto amato dai Romani. Il Lambrusco può essere secco, amabile o dolce, a seconda di quanto zucchero residuo sia rimasto, prima di interrompere la fermentazione. Un Lambrusco amabile è quindi più dolce, beverino e brioso, rispetto a un prodotto secco. Esistono numerose tipologie di Lambrusco (Marani, Reggiano, Salamino, Viadanese ecc.), ognuna con caratteristiche differenti, anche se il Lambrusco Grasparossa e il Lambrusco di Sorbara sono in genere i più noti. Oltre alle caratteristiche organolettiche, i vari tipi di Lambrusco hanno abbinamenti consigliati differenti. Se un Grasparossa di Castelvetro è più ruspante e immediato, abbinabile con le carni, i primi complessi e i formaggi stagionati, un Lambrusco di Sorbara è più elegante, indicato con i piatti di pesce, i salumi e i formaggi freschi. Ma come si produce il Lambrusco? Chiariamo che il Lambrusco è un vino rosso frizzante, prodotto in genere con metodo Charmat, ossia da rifermentazione in autoclave. Questo processo prevede che il vino base venga messo in grandi recipienti di acciaio, dove vengono introdotti i lieviti selezionati, che daranno il via alla fermentazione da bassa gradazione alcolica. Negli ultimi anni, inoltre, molti produttori hanno iniziato a produrre Lambrusco da rifermentazione in bottiglia, che danno vini generalmente più eleganti.

|